STAGIONE 33
 













SERIE VI.187

CReal Panzarotto9:3
TKorova Milk Team3:0
TMantova 4ever1:0
CAS Roma3:2
TLongone Sabino2:4
CMorena FC1:0
TFlamentogue Kavu4:1
CFlamentogue Kavu2:0
TMorena FC1:4
CLongone Sabino2:4
TAS Roma1:2
CMantova 4ever3:1
CKorova Milk Team3:1
TReal Panzarotto0:3

CLASSIFICA

1Longone Sabino32
2Real Panzarotto27
3Tøftinghia27
4Flamentogue Kavu24
5AS Roma18
6Mantova 4ever16
7Morena FC9
8Korova Milk Team7

COPPA ITALIA

TFC Ary8:0
TUC Pegli7:1
TBruzzano FC4:5

ROSA

#GiocatoreEtàPrRt
1V.Fraulini2214-25
4G.Amendola2693
5W.Guo Hong20163
6M.Abildgaard26154
7D.Rivaben2641
8J.Castro28152
9G.Kretz2583
10G.Arfè2762
12C.Gitti253-5
13Á.Einarsson251410
14O.Foga1912 
15P.Larrañaga23123
16C.Paciotti22155
17V.Beltramme2031
19M.Schiavone2994
21E.Di Gennaro25149
24J.R.Mugnaini29111
26F.Dingkun18  
28V.Barceló18  
All. D.Gale

26.10.2007 - FINALE DI STAGIONE

Con la sconfitta nello scontro diretto per il secondo posto alle spalle di Longone Sabino, che domani si giocherà per la prima volta lo spareggio che salire in Quinta, si chiude la stagione 33. «Si poteva far meglio - commenta Gale - ma il presidente Ilozzir ha detto che gli va bene così, che è stato un anno di transizione e non c'erano velleità di vittoria del girone. Io dico che non ci siamo andati molto lontani e allora un po' di dispiacere c'è, però effettivamente abbiamo lavorato per un nuovo progetto pluriennale che riparte da oggi.»
Dopo due stagioni ed altrettanti record di mercato (era stato l'acquisto più costoso, ora è anche la cessione più redditizia con 1.409.000 €), Ásgeir Einarsson torna in patria a Guttormur, squadra di Quarta serie Islandese, nella regione del Kópavogur. Kmer figlio di Knar, eccetera. Per lui 30 presenze e 14 reti.
Anche un altro degli ingaggi più sonanti svuota l'armadietto alla ST&AP Arena: Larrañaga passa per 1.057.000 € a Borussia Wengern, in Settima serie Tedesca, una divisione che sta trovando in Tøftinghia una sorta di costante serbatoio di mercato. In 3 stagioni per lui 35 presenze, 4 reti e l'impressione di essere un eterno incompiuto sempre a un passo dall'affermazione definitiva.
L'ultima partenza celebre è di Juan Ramón Mugnaini, che dopo 4 stagioni da 51 apparizioni e 7 gol, passa per 509.000 € a Petuggio, Settima serie della Lombardia.
Anche il mercato dei giovani si muove in uscita, con le cessioni di Barceló (entrano 400.000 €) e Fu (difatti non è più - ahahah) Dingkun (387.000 €).
Poi, finalmente, gli ingaggi: dalla Bulgaria Todor Tunev, trequartista di 17 anni costato 353.000 €. Dalla Grecia Akis Sotiriadis, attaccante esterno di 17 anni, pagato 139.400 €. Quindi l'Israeliano Avraham Meirov, ingaggiato per 113.300 €. Ma per potersi capire un poco nello spogliatoio, c'è anche un Italiano: Andrea Pintore, 17enne poco talentuoso ma veloce come un ghepardo, assicurano i talent-scout.

06.10.2007 - IL RIASSUNTO DEL MESE SCORSO

Ad un mese di distanza dal ritorno dalle vacanze, il presidente Ilozzir forse è meno garrulo di quando descritto poco sotto. Tre sconfitte in fila allontanano definitivamente le velleità di promozione e, anche se i punti di distacco dalla vetta sono solo 4, recuperati 3 proprio oggi, i soli 2 turni dalla fine fanno oscillare Tøftinghia più fra il secondo e il quarto posto che verso la vetta.
Alcuni rimarcabili fatti accaduti nel frattempo: Tøftinghia segna il suo trecentesimo gol in campionato, l'autore è Di Gennaro (ma va) su rigore (ma va). Altro? Direi di no. Mestizia di stagione.

09.09.2007 - VACANZE FINITE, PARTE LA VOLATA PROMOZIONE

Pres Ilozzir torna finalmente dalle vacanze e può riprendere garrulo la guida della società: nelle ultime due settimane la doppia sfida contro l'ex-grande, e tuttora sorpresa Flamentogue Kavu, porta in dote tutti i 6 punti a disposizione, due gare ben disputate, tatticamente e come gioco, e il lancio della volata per la promozione contro Longone Sabino.

25.08.2007 - ILOZZIR SOFFRE, E NON PER L'1:0

Il cielo grigio raccoglie la sofferenza di Ilozzir, e non parliamo della risicata vittoria, arrivata col minimo scarto ma pur sempre senza concedere occasioni.
La perdita di oggi per il pres scava un buco di 14 anni di compagnia, e la sua assenza dallo stadio per l'ultimo omaggio non lascia comunque sola la squadra, che vince e offre una dedica da poter elevare in alto.

18.08.2007 - LA FORZA DI LONGONE SORPRENDE TØFTINGHIA

È pesante la sconfitta che Tøftinghia rimedia nella trasferta laziale contro Longone Sabino, ormai storica rivale per la vittoria del girone. L'impressione offerta dalla partita è stata quella di una squadra (i padroni di casa) intenzionati a dare tutto, a spremere ogni energia per la vittoria, schiacciando gli ospiti e costringendoli a provare solo la soluzione del contropiede per ostacolare il devastante possesso di palla dei primi.
Un gioco che si sapeva che difficilmente avrebbe retto per 90 minuti, ma che ha portato in vantaggio 2:1 Tøftinghia (Larrañaga, Castro) e sul 2:2 al riposo. Troppo poco e quando Longone ha forzato e spinto definitivamente sull'acceleratore, le resistenze degli uomini di Gale sono crollate.
«Abbiamo fatto quel che potevamo e l'impressione davvero forte è che Longone abbia giocato oggi contro di noi la gara della stagione, se non della vita» - sono le parole del mister - «intendiamoci, sto facendo loro i complimenti, niente di diverso o di piccato, tant'è vero che non guardo alla gara di ritorno come ad una sanguinosa rivincita, abbiamo altri scontri diretti prima (con Flamentogue, che pure ha sorpassato) e una difesa recentemente un po' disattenta a cui mirare.»

04.08.2007 - TØFTINGHIA CONQUISTA LA VETTA

Dopo la scottatura dell'eliminazione al 3° turno di coppa contro i pariserie di Bruzzano, in una partita ancora una volta guidata da un imperioso attacco (Beltramme, 2 Einarsson, Larrañaga) ma anche da una deficitaria difesa, Tøftinghia riprende la marcia in campionato con il risultato preferito dal presidente Ilozzir.
L'1:0 contro la neopromossa Mantova nasce sul finire di una gara sostanzialmente equilibrata, sofferta a centrocampo ma vittoriosa nelle fasi difensive ed offensive. E nel risultato finale. Dopo il palo di Schiavone, che ancora una volta dimostra di vivere una seconda giovinezza, è Guo Hong a segnare la rete da 3 punti, salendo sulla destra e sfruttando l'intesa con la giovane ala Argentina, che ha iniziato la stagione davvero alla grande.
Con Fraulini ancora fermo dopo l'infortunio di una settimena fa, Gitti si riprende dopo gli incubi di coppa; Piaciotti, Castro ed Einarsson si confermano leader di reparti che funzionano armoniosamente.

21.07.2007 - PAZZESCA TØFTINGHIA, UN CICLONE SUL CAMPIONATO

La scorsa stagione si era chiusa con una dichiarazione - fra le altre - del presidente di Real Panzarotto secondo cui la vittoria nel girone dei "tosaerba" non è che fosse tanto meritata per via della parità negli scontri diretti fra le 3 regine del campionato. Ora, al di là della pressochè nulla logica nella dichiarazione (se si è pari e non merita uno, perchè dovrebbe meritare un altro?), ai nastri di partenza di un nuovo capitolo del girone, arriva una risposta potente e distruttiva. E soprattutto arriva dal campo.
Dopo l'8:0 del primo turno di coppa, grandinata intensa ma mitigata dalle serie di differenza, la nuova forza distruttiva di una non-nuova Tøftinghia produce un 9:3 maestoso.
Tre di Einarsson, due di Di Gennaro e Schiavone, ancora a braccetto come cannonieri di sempre in squadra e uno di Amendola ed Abildgaard. Una Tøftinghia veloce, divertente e arrembante. Senza montarsi la testa, la migliore risposta a chi un mese fa dubitava dei meriti di questi ragazzi.

17.07.2007 - DEBUTTO IN COPPA E PIOGGIA DI GOL

Prima uscita stagionale per la Tøftinghia meno nuova che ci possa essere, senza il minimo movimento di mercato in vista della stagione, e netta affermazione, con tante buone indicazioni sullo stato di salute della squadra al ritorno al lavoro.
L'avversario di scarso rango stuzzica comunque l'impegno degli 11 di Gale, oggi schierati con un inedito 5-3-2 in cui 2 dei centrali di difesa supportavano in realtà il centrocampo. Ben 8 le reti messe a segno: 2 a testa per Paciotti (che altrettante ne aveva segnate in 35 partite), Schiavone (ora pari con Di Gennaro come bomber storici di squadra) ed Einarsson. A segno anche Amendola e Guo Hong.

 
© Real Rizzo 1996. Inopinatamente fondato il 02.02.2000. Tutte le immagini ed i testi appartengono al sito e ai suoi realizzatori.