STAGIONE 34
 













SERIE VI.187

CFlamentogue Kavu3:2
TSuperbroio FC0:0
CReal Panzarotto1:2
THydra Ascoli 19931:2
CLazio 20051:2
CAS Roma4:0
TMantova 4ever0:3
CMantova 4ever1:1
TAS Roma1:1
TLazio 20051:0
CHydra Ascoli 19932:0
TReal Panzarotto1:2
CSuperbroio FC4:0
TFlamentogue Kavu0:3

CLASSIFICA

1Lazio 200537
2Real Panzarotto27
3Mantova 4ever26
4Superbroio FC21
5Tøftinghia18
6Flamentogue Kavu17
7Hydra Ascoli 19939
8AS Roma7

COPPA ITALIA

TAtl. Céo Pearà2:1
TKavedoni0:1

ROSA

#GiocatoreEtàPrRt
1V.Fraulini2316-17
4G.Amendola2611 
5W.Guo Hong21122
6M.Abildgaard27153
7D.Rivaben276 
8J.Castro29121
9A.Ilkka18101
10G.Arfè273 
12C.Gitti26  
13O.Foga208 
14M.Michal184 
15T.Tunev17123
16C.Paciotti23151
17V.Beltramme2031
18A.Sotiriadis1792
19M.Schiavone304 
20P.Maltesen23121
21E.Di Gennaro24147
22J.NuNu173 
23R.Pezzuti173 
25F.Marassi306 
26F.Bahrani17  
All. D.Gale

09.02.2008 - LA STAGIONE FINISCE COL KO

Una sconfitta per 3 a 0 che ricorda molto quella di fine girone d'andata contro Mantova - inizio alla carica, occasioni scialate, 3 tiri in porta contro e 3 reti subìte - chiude finalmente una stagione decisamente altalenante.
La probabile ultima di João Castro, 30 anni e 62 presenze, si mischia a qualche altra statistica di fine stagione. Per la quarta volta Di Gennaro chiude la stagione da bomber, mentre per trovare un vice si deve scendere fino alla misera quota 3 (Abildgaard e Tunev); in compenso la difesa è la seconda migliore del girone (-18, contro i 15 incassati da Lazio).
Spazio ora al mercato: se l'annata di transizione è davvero finita, dalla prossima ci si aspetta qualche risultato.

03.02.2008 - EUGEN100

L'ultima casalinga di stagione è soprattutto la festa di Eugenio Di Gennaro, alla centesima in maglia Tøftinghia. E quando dopo soli 8 minuti arriva un calcio di rigore, i 38000 della ST&AP Area sanno già che il bomber riuscirà a farsi da solo - e anche a tutti i tifosi - il regalo migliore.
Con le altre reti di Abildgaard, Ilkka (al debutto nei tabellini) e Sotiriadis si chiudono così tutti i giochi per la classifica: Lazio promossa direttamente, retrocesse Hydra Ascoli e Roma, Tøftinghia dovrà vincere sabato contro la neotranquilla Flamentogue per essere quarta. Altrimenti - e tutto sommato potrebbe anche valerne la pena per ottenere quanti più turni casalinghi in coppa - la stagione si chiuderebbe in quinta posizione.
Mai fuori dal podio al di fuori della stagione 27, ma a bene vedere, sofferta stagione di crescita doveva essere, e tale è stata.

19.01.2008 - SALVATION, SALVATION, SALVATION IS FREE

Vittoria. Vendicatrice del collasso dell'andata, confortante col +5 sulla penultima, e quasi salvezza a 3 giornate dalla fine.
«Abbiamo faticato più di quanto pensassi però pazienza, l'importante era che vittoria fosse, e vittoria è stata. Ancora una volta ci hanno aiutato i difensori-goleador. Se per Di Gennaro è tutto fuorchè una novità, attaccarci ai gol di Paciotti e Beltramme mi lusinga ma tatticamente non entusiasma. Però mi rendo anche conto che quest'anno per alcune settimane ce la siamo veramente vista brutta, quindi raccogliamo quel che viene. In qualsiasi forma, l'importanete è che venga.»

12.01.2008 - BELTRAMME EROE DEL GIORNO

Contro l'imbattuta - e fino a sabato scorso anche sempre vincente - Lazio, nella tabella di marcia di mister Gale verso la complicata salvezza era scritto uno zero. Senza timori, senza paura di prenderle pur giocandosela, certo, ma sempre di sconfitta era la previsione.
Eppure la prima vittoria esterna di stagione arriva proprio nella gara meno immaginabile, contro una Lazio con assenze, ma disputando una partita impeccabile. Accorti tatticamente, chiusi e attenti e velocissimi a ripartire. Non schiacciati a centrocampo e con continui refoli sulle ali, con Paciotti, Di Gennaro e Rivaben.
È la vittoria degli Italiani (8 su 11) e dei giocatori "storici" della squadra: con in campo anche Schiavone, Foga e Beltramme. Ed è proprio di quest'ultimo il gol senza il quale Tøftinghia sarebbe a pari punti con la settima, da affrontare in un pericoloso (e ora già decisivo, in caso di vittoria) dentro-fuori, sabato prossimo.
Beltramme segna la sua seconda rete in carriera, tutte con questa maglia, e in appena 6 partite. La copertina oggi è sua.

29.12.2007 - UN SOLO PUNTO NON RALLEGRA NESSUNO

Vittoria doveva essere - a giudicare dalla prestazione, vittoria pure poteva essere - vittoria non è stata. E anzi, Fraulini ha parato un rigore e un'altra volta è stato graziato. E ora? «Ora, se apparentemente non ce la facciamo da soli, ricorreremo al mercato.», risponde un sospirante Ilozzir. «Mi dispiace perchè anche la partita di oggi testimonia che la squadra ha qualità, però ad esprimerla solo per 20 minuti a gara non si va tanto lontani. Vedremo su quale reparto intervenire.»

22.12.2007 - LA FUGGITA DEL SORRISO

«Ma no, la partita era stata preparata bene» - prova a difendersi mister Gale - «abbiamo fatto tutto quello che era nelle nostre mani per non concedere il centrocampo e per bucare la loro difesa... non so cosa dire, anche le volte in cui non siamo inferiori subiamo dei tracolli assurdi. Vorrei pensare che sia stato solo il fattore campo e che rigiocando in casa fra 7 giorni questa stessa partita possa capovolgersi l'esito... però è tutto così disarmante...»
8, 23, 29. I minuti delle uniche tre occasioni in tutta la partita. E Tøftinghia perde 3 a 0. La cronaca della disperazione di Gale sta tutta qui.

15.12.2007 - IL RITORNO DEL SORRISO

Una prima porzione di riscatto è arrivata. Dopo 3 sconfitte filate, la tisana si rivela essere la gara interna contro AS Roma, seguirà trittico non impossibile - anche se Mantova viaggia che è un piacere - in cui dar seguito a questi 3 punti.
Il mini-ribaltone della settimana prosegue nel weekend: resta negli 11 Pezzuti e torna l'eterno Schiavone, a dare una mano al reprobo Tunev. Il Bulgaro alla fine ne segna 2, alza la sua media stagionale a 1 gol ogni 2 partite, che non sarebbe male, se non fosse sempre fuori per espulsione. Chiude il 4 a 0 Di Gennaro, con una coppia di punizioni da applausi (che tornano a gratificare la squadra, finalmente anche attenta e ben coperta), mancate nelle precedente uscite perse per episodi (ma giocate comunque male).
Con 3 punti si torna fuori dalle ultime 2, a solo +1 dalla settima, certamente, ma almeno non così affranti.

11.12.2007 - RIBALTONE CON SODDISFAZIONE (DA POCO)

In attesa delle quattro partite a cui affidare la speranza di svolta e recupero in classifica, un primo passo di riassetto della rosa avviene con la cessione di Michal. Dopo sole 4 presenze, l'ala Ceka, uno degli enigmi tattici della stagione, viene ceduta in Germania per 1.148.000 €
Al suo posto arriva Roberto Pezzuti, talento 17enne, subito in campo nell'amichevole infrasettimanale disputata in Lussemburgo, e autore di una doppietta in 11 minuti. Una clamorosa profezia? «Eh.», risponde lui, tanto spigliato in campo quanto abbottonato nelle dichiarazioni.

07.12.2007 - COME ESSERE OTTIMISTI?

Per Tøftinghia inguaiata e in crisi, la sfida contro la lanciatissima prima in classifica, proiettata senza rivali al ritorno in Quinta a passo di marcia, si sapeva essere l'ultima delle situazioni da augurarsi. E infatti sconfitta è stata, e con le vittorie di Mantova, Flamentogue e Roma, ora i "tosaerba" sono settimi. Finisse oggi il campionato, Tøftinghia conoscerebbe una clamorosa e nefasta retrocessione.
Perchè dunque conservare ottimismo e cercare uno scampolo di luce in questo inizio di stagione disastroso? In effetti le ultime 3 partite sono state altrettante sconfitte, ma tutte per 2 a 1 e senza mai crollare. Vero è che se contro Lazio 2005 un simile risultato può anche essere nobile (c'è chi ne ha presi 10 in un colpo solo), settimana prima c'era stato l'abisso contro l'ultima della classe.
Qualcosa si muoverà - Ilozzir l'ha già dichiarato - anche se senza stravolgere il progetto lanciato prima di questa stagione, per salvare l'annata a cominciare da sabato prossimo, quando alla ST&AP Arena arriva AS Roma, 3 punti avanti nella compattissima classifica.

01.12.2007 - KO ANCHE CONTRO IL FONDO, L'ORA DEI PROCESSI

Sconfitta anche contro la derelitta ultima in classifica, che in 3 gare aveva segnato 2 reti subendone 22, Tøftinghia deve ora riflettere, senza peraltro avere l'apparente lucidità per farlo.
La sconfitta di oggi è immeritata quanto quella di settimana scorsa e due sabati a quota 0 punti potevano tranquillamente valerne 2 se non 4. Però i campanelli d'allarme sono tutti scattati contemporaneamente. Da una difesa che concede poco, ma quel che concede lo fa arrivare fino in porta, a un attacco che non segna - anche se la cosa era ampiamente preventivata.
Mister Gale non si sente in discussione, nè tantomeno il progetto appena iniziato. Ma la squadra pare remissiva e la guida tecnica impotente. E i tifosi mugugnano.
Prova a spegnere l'incendio pres Ilozzir: «Sapevamo che sarebbe stata una stagione intermedia e senza acuti. Onestamente alcune recenti partite sono comunque sotto le aspettative, tranne l'attacco gli altri reparti sono stati rafforzati e non mi aspettavo di patire così tanto. Però non possiamo spazientirci, il progetto ripartito questa stagione è pluriennale e, almeno finchè la situazione non sarà veramente grave, stringeremo i denti.»

13.11.2007 - GIÀ FUORI DALLA COPPA

Finisce prestissimo, in un caldo secondo turno di Novembre, l'avventura stagionale in coppa. Contro Kavedoni, Gale manda in campo una formazione molto rimaneggiata, schierata con lo storico 4-4-2, facendo un passo indietro rispetto alle 3 punte proposte in tutto l'inizio di stagione.
Ma NuNu e Ilkka sono troppo leggeri e inesperti per reggere da soli un gioco offensivo che funziona bene fino alla trequarti e poi annega nella compatta difesa avversaria. Non aiuta nemmeno l'espulsione di Foga dopo appena 5 minuti: folle testata ad un avversario e partita in inferiorità numerica. Ilozzir commenterà con disprezzo la follia del suo giocatore.
Tornando al campo, NuNu si muove bene ma sbatte contro gli avversari, Ilkka laterare è troppo solo, mancando il supporto di Rivaben, lasciato all'ultimo in panchina per inserire Paciotti dietro - scelta comunque ragionevole alla luce dell'espulsione di Foga.
Un'altra stagione prematuramente senza l'appuntamento del martedì, Gale aveva promesso che il turnover sarebbe stato un rischio solo per questo turno, e dal prossimo avrebbe rimesso i titolari. Ma il prossimo ormai sarà il primo della nuova stagione.

10.11.2007 - LA TESTA DI TØFTINGHIA BATTE LA CORSA DI KAVU

«Bene bene, sono molto soddisfatto di questa vittoria. Giocavamo contro la squadra tatticamente più evoluta e impegnativa del girone e per noi che siamo molto giovani - ringiovaniti... - e ancora non ci conosciamo molto era una potenziale trappola. Abbiamo segnato 3 gol, e tutti nel modo migliore che al momento sappiamo sfruttare: gli inserimenti dei centrocampisti. Questo almeno finchè l'attacco non sarà autosufficiente, ma ci vorrà almeno tutto il girone d'andata, se non l'intera stagione.» Queste le parole di mister Gale al termine della prima partita di campionato in stagione.
Un buon debutto casalingo, con una vittoria conquistata in rimonta con le reti di Di Gennaro, Maltesen e Castro.

06.11.2007 - POSITIVO E VERO DEBUTTO IN COPPA

Dopo un mercato veramente rivoluzionario, arriva il primo responso dal campo. Una Tøftinghia ancora lontana dall'essere vera (a riposo Abildgaard, Castro, Paciotti e Di Gennaro) vince 2:1 con gol di Guo Hong e Tunev. Il Bulgaro debutta a 17 anni e subito sigla il gol vittoria, buon segno e ottima risposta da parte del giovane più talentuoso della nidiata che Gale proverà ad accudire.

03.11.2007 - ULTIMI RITOCCHI PRIMA DEL VIA

Dura poco l'avventura da "tosaerba" per Meirov e Pintore, giovani attaccanti tesserati settimana scorsa. Gale ed Ilozzir non li hanno giudicati idonei alla crescita in rosa e subito sono stati ceduti in Olanda il primo ed in Germania il secondo.
Il reparto avanzato trova completamento con un giocatore davvero speciale: Jumah NuNu, 17enne del Bahrain, ancora tremendamente acerbo ma giudicato un grande prospetto per una nazione che non sforna calciatori a getto continuo. Il suo arrivo per la considerevole cifra di 228.500 € dai locali Manama Players ha subito suscitato l'interesse del selezionatore della nazionale maggiore del Bahrain. Ancora indietro per l'Under 20, a maggior ragione per la squadra maggiore, NuNu prova però ad essere quel regalo di fama e prestigio che per un soffio non è stato Guo Hong.
Ilkka, Michal, Tunev, Sotiriadis e NuNu: sono i 5 ragazzi che sotto l'ala protettiva di Schiavone cercheranno di far salire le quotazioni dell'attacco di Tøftinghia.
Intanto un vero e immediato rinforzo giunge per il centrocampo: Peder Maltesen, Danese da mettere in coppia col connazionale Abildgaard, arriva per 1.751.400 € - nuovo record di spesa - dalla Finlandese Cumflies. «Un'inizione decisiva per il reparto.» - il commento di Ilozzir.

30.10.2007 - PRIMA SETTIMANA DI MERCATO

Dopo le tante partenze a chiudere la stagione 33 e snellire la rosa in attesa della ricostruzione - parziale - arriva il momento di diramare comunicati in serie per l'acquisto dei nuovi volti della ST&AP Arena.
Comincia Michael Míchal, 18enne ala offensiva della Repubblica Ceca (33esima nazionalità di sempre in rosa) pagata 867.000 € ai Portoghesi di SC Ruviães. Stesso ruolo e stessa età per quello che si ripropone di essere il suo gemello: Antti Ilkka, Finlandese, pagato 1.000.000 € tondo tondo ai Colombiani di Ibague FC. Due acquisti, un bel giro del mondo.
Se nei piani della coppia Ilozzir-Gale c'è la rifondazione dell'attacco (e ormai i passi sono quasi interamente compiuti), deve lasciare il suo posto anche un ultimo tassello: Giuseppe Kretz, dopo 49 presenze e 22 reti, viene ceduto per 637.300 € a Team Leader, Ottava serie Italiana.

 
© Real Rizzo 1996. Inopinatamente fondato il 02.02.2000. Tutte le immagini ed i testi appartengono al sito e ai suoi realizzatori.